Tra le tante fobie esistenti ce n’è una che si sta diffondendo sempre di più. Oggi parliamo della fobia sociale, una delle fobie più difficili da affrontare e da superare. Vediamo quindi di cosa si tratta, da cosa può essere causata ed eventuali soluzioni a questo problema.

 

Iniziamo subito col dire che la fobia sociale è la paura, irrazionale, scatenata dalle relazioni sociali.

Chi soffre di questa fobia tende ad allontanarsi dagli altri e ad isolarsi. Questo nasce dalla paura di esporsi davanti agli altri, di affrontare situazioni spiacevoli (per le persone, per il tipo di attività e delle volte anche a causa dei luoghi nella quale avvengono) e anche di essere giudicati.

 

La fobia sociale limita  il contatto umano che permette di relazionarci con gli altri e con quello che ci circonda, gli ambienti personali, familiari e lavorativi, ci dà l’opportunità di crescere e migliorare. E’ facile immaginare quindi che chi soffre di fobia sociale rischia di subire un danno personale molto alto perché rischia di limitare le possibilità che la vita ci offre ogni giorno.

 

 

 

 

Immaginate di accorgervi all’improvviso, entrando in questa sala, di essere completamente nudi. Immaginate sino in fondo che cosa provereste in una situazione del genere. Con ogni probabilità disagio e vergogna. Che cosa fareste, allora? Cerchereste di scappar via, di sottrarvi allo sguardo degli altri? E se a distanza di breve tempo vi accadesse di incontrare una persona che vi ha visto in questa situazione, quale sarebbe il vostro stato d’animo? È un po’ questo ciò che provano, con diversi gradi d’intensità, s’intende, coloro che soffrono di ansia e di fobia sociali; solo che lo provano in situazioni estremamente banali, come prendere la parola davanti a un gruppo di amici o entrare in un negozio a comperare mezzo chilo di pane. 

Jerilyn Ross, Congresso mondiale di psichiatria, Rio de Janeiro, 1993 [1]

 

La paura più profonda che risiede nella fobia sociale è quella di ritrovarsi in situazioni compromettenti, che possono essere fonte di vergogna o umiliazione, e tutto ciò può essere causato dal sentirsi incapaci di affrontare tali situazioni.

 

Chi soffre di questa fobia generalmente mostra i seguenti sintomi: tachicardia, sudorazione ininterrotta, rossore  e delle volte anche balbettio. Sono tutti sintomi ben visibili e facili da notare, proprio per questo la cosa migliore da fare quando troviamo persone che soffrono di tale fobia, è quella di mostrare empatia e di far sentire quella persona a proprio agio cercando di non metterla in difficoltà e di mostrare interesse nei suoi confronti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *